Bannon, lo stratega di Trump punta all’Italia. Ecco cosa bolle in pentola

Presto avremo la voce “diretta” del trumpismo anche da noi. Breitbart News, il sito di destra a lungo (e con successo) diretto da Stephen K. Bannon, consigliere strategico del presidente Trump, si prepara infatti a sbarcare in Italia.  BuzzFeed News  riferisce che la piattaforma politicamente scorretta americana, ha deciso di potenziare il suo ufficio a Roma

Ancora non è dato sapere quando sarà pronta l’edizione italiana. Ma, sempre secondo BuzzFeed News, l’iniziativa sull’Italia fa parte di una più ampia strategia diretta all’opinione pubblica europea.  Parallelamente all’ufficio romano, verranno potenziati anche gli uffici di Parigi e Berlino. È evidente l’obiettivo di Breitbart News di espandersi anche nel mercato europeo, nella previsione che il mercato “politicamente scorretto” del Vecchio Continente sia in considerevole crescita. Il sito diretto da Bannon ha movimentanto non poco la campagna per le presidenziali americane con le sue provocazioni e il suo linguaggio radicale. E potrebbe svolgere una funzione analoga in Europa in vista degli importanti appuntamenti politico-elettorali del prossimo futuro. 

Vale la pena ricordare che Breitbart News è stata la punta di diamante di Bannon nella sua qualità di spin doctor di Trump. L’importanza di questo personaggio nella strategia comunicativa del nuovo residente Usa  è ben descritta da Il Foglio: «Il fatto è che Bannon – veterano di marina, ex trader di Goldman Sachs, produttore cinematografico, autore di bestseller e mente dietro al successo recente di Breitbart News –, con la sua capacità di canalizzare la rabbia degli elettori bianchi della working class contro l’establishment, tanto democratico quanto repubblicano, e di cambiare le regole del discorso politico americano, è stato un evangelista del trumpismo di battaglia prima di Trump stesso. I due, entrambi portatori di ciuffo biondastro e bulimicamente attaccati allo smartphone, hanno così tanto in comune da sembrare fatti l’uno per l’altro. Entrambi hanno un senso soprannaturale nel suscitare il sentimento anti establishment pur provenendo da esso, entrambi quando parlano non mostrano rispetto per le convenzioni né per il politicamente corretto, entrambi sono oggetto dell’odio e dello sdegno non solo dei liberal ma anche dei repubblicani moderati, e ricambiano allegramente».

Bannon ha lasciato la direzione di Breitbart da quando ha assunto la carica di consigliere strategico del presidente. Ma il suo sito rimane rimane lo strumento privilegiato del suo pensiero strategico. E presto ce ne accorgeremo anche in Italia.