Baby-Isis: la polizia austriaca interroga un 14enne. Progettava un attentato

Sono sempre pià gli adolescenti che vengono radicalizzati tra i terroristi islamici: un ragazzino non ancora 14enne è stato infatti interrogato dalla polizia austriaca per i suoi contatti con il sospetto terrorista austriaco di 18 anni arrestato nei giorni scorsi per aver pianificato un attacco a Vienna. Lo ha riferito un funzionario del ministero dell’Interno. “I due sono stati in stretto contatto e stavano pianificando qualcosa insieme”, ha detto Konrad Kogler.

Il 14enne era in contatto col 18enne arrestato

Arrestato venerdì, il 18enne figlio di immigrati albanesi era tenuto sotto osservazione da tempo e si sospetta stesse preparando un attentato nella metropolitana o in un altro luogo pubblico della capitale austriaca. Dopo aver analizzato il suo cellulare e le comunicazioni on-line, la polizia tedesca ha arrestato anche un 21enne nella città occidentale di Neuss, vicino a Dusseldorf, sospettato di aver aiutato l’adolescente a preparare l’attentato.