Artena, uomo investe la moglie poi tenta il suicidio: ricoverati entrambi

Ad Artena un uomo ha investito la moglie e poi ha tentato il suicidio: ora sono entrambi ricoverati in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita. Tre volte: avrebbe provato a investire la donna con l’auto per ben tre volte, il 31 dicembre scorso, quando erano all’incirca le 17 del pomeriggio. La lite – forse scatenata da motivi di gelosia – ha fatto perdere il controllo della situazione e, a toni esasperati e animi esacerbati, un 47enne originario di Napoli è arrivato al punto di travolgere la consorte, per poi scappare via e tentare il suicidio.

Artena, investe la moglie poi tenta il suicidio

È accaduto tutto ad Artena, vicino Roma, e sul caso sono tempestivamente intervenuti i carabinieri del posto, coadiuvati dai colleghi di Valmontone, e d’accordo hanno dato il via alle indagini per rintracciare l’uomo che, anche grazie alla localizzazione del telefono cellulare, è stato rintracciato in breve tempo in via Gramsci. I carabinieri che lo hanno raggiunto, lo hanno trovato riverso sul sedile che perdeva molto sangue dal momento che, avendo tentato il suicidio, l’uomo riportava vistose ferite al collo e ai polsi. Immediatamente soccorso – accusava gravi lesioni multiple –  è stato trasportato all’ospedale di Colleferro, dove si trova tuttora in stato di fermo per tentato omicidio, e dove è piantonato a vista. A quanto risulta sarebbe fuori pericolo e le sue condizioni sono stabili. Anche la moglie, trasportata in ospedale in gravi condizioni dopo l’investimento, non sarebbe comunque in pericolo di vita.