Adescava e ricattava ragazzine con un falso profilo Fb: arrestato 35enne

Carpiva la fiducia di ragazzine ingenue usando toni suadenti e dicendo cose rassicuranti. Si fingeva loro coetaneo grazie a un falso profilo Facebook creato e caratterizzato ad hoc per non creare dubbi o diffidenze. Poi, una volta ottenuta la confidenza delle sue “amiche” di chat, si faceva confidare segreti e bugie. Ed era proprio a quel punto che cominciava a ricattarle e a chiedere insistentemente foto scabrose e compromettenti…

Adescava le ragazzine con un falso profilo Fb

Un predatore senza scrupoli come tanti che si nascondo nelle maglie della rete, mascherando aberrazioni e degenerazioni dietro nickname di circostanza e false identità. Stavolta l’ultimo orco pronto ad abusare della fiducia – e a violare prepotentemente l’intimità di ragazzine acerbe – è un brianzolo 35enne, senza precedenti, che prima di essere scoperto e individuato, nella sua rete aveva adescato molte adolescenti, compresa una ragazza riminese che, messa sotto pressione dai ricatti e dalle minacce dell’uomo, aveva addirittura tentato il suicidio. È a quel punto che, crollata, è riuscita a raccontare tutto alla madre, che l’ha convinta a denunciare l’accaduto e a rivelare alla polizia tutte le informazioni in suo possesso sull’orco 35enne. 

La denuncia di una ragazzina coraggiosa e le indagini 

Così la polizia di Rimini e gli agenti della polizia postale sono potuti risalire alla vera identità dell’uomo, nel cui Pc hanno trovato diverse foto di minorenni. Ovviamente il computer gli è stato sequestrato, e lui è stato denunciato per detenzione di materiale pedopornografico. Le indagini comunque proseguono: l’intento degli inquirenti al lavoro sul caso, infatti, tendono a verificare e dimostrare eventualmente se possono essere indivuati a carico del 35enne brianzolo anche altri capi di imputazione.