8 quintali di droga in motoscafo: arrestati 2 italiani e un albanese

8 quintali di marijuana. Celati nel motoscafo. Per questo hanno provato a fuggire, aumentando la velocità, e anche ad alleggerire l’imbarcazione gettando in mare parte del carico. Ma i componenti dell’equipaggio che trasportava l’ingente carico di droga a bordo di un motoscafo intercettato ieri pomeriggio al largo di San Cataldo di Lecce nelle acque del Basso Adriatico sono stati bloccati e arrestati da militari della Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle del Reparto aeronavale di Bari e del Gruppo Aeronavale di Taranto sono riuscite ad abbordare l’imbarcazione a circa 20 miglia mentre si dirigeva verso le coste pugliesi. A bordo
erano presenti tre uomini e ancora alcuni pacchi contenenti parte degli 8 quintali di marijuana. Il mezzo utilizzato per l’illecito traffico, un semicabinato lungo 8 metri, con un potente motore fuoribordo da 225 cavalli, è stato portato agli ormeggi della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Otranto e sequestrato. Gli scafisti, F.O. 47 anni e D.L di 58 anni, entrambi brindisini, e A.Q. 31 anni di Valona (Albania), sono stati arrestati per detenzione e traffico internazionale di stupefacenti. Gli 8 quintali di marijuana recuperata e sequestrata dai finanzieri anche dal mare era confezionata in 43 colli di varie dimensioni. I quasi 8 quintali di droga  avrebbero fruttato al dettaglio oltre 7 milioni di euro all’organizzazione criminale. Sono in corso indagini, in collaborazione con le Autorità di polizia albanesi e con il Nucleo di Frontiera Marittima della Guardia di Finanza di stanza a Durazzo, per risalire all’organizzazione criminale responsabile del traffico internazionale di sostanze stupefacenti.