Omicidio Varani, rito abbreviato per Foffo e ordinario per Prato

Giudizio separato per Manuel Foffo e Marco Prato accusati dell’uccisione di Luca Varani avvenuto il 4 marzo dello scorso anno. Al gup Foffo ha chiesto e ottenuto di poter essere giudicato con rito abbreviato come consigliato dai difensori Michele Andreano e Corrado Ottaviani. Mentre Prato, difeso dagli avvocati Pasquale Bartolo e Matteo Policastri, ha scelto di essere giudicato col rito ordinario. Di conseguenza il gup ha fissato per il 6 febbraio prossimo un’udienza per l’intervento del pubblico ministero Francesco Scavo. E  anche delle parti civili, che sono i genitori e la fidanzata di Varani. Mentre il 21 febbraio successivo parleranno i difensori e non è escluso che in giornata si pronunci sia l’esito del rito abbreviato e la data del rinvio a giudizio per il rito ordinario che riguarda Prato.

Omicidio Varani, la richiesta dell’avvocato di Foffo 

Nel corso dell’udienza di oggi le parti hanno presentato al gup una serie di richieste a sostegno delle loro strategie difensive. In particolare la difesa di Foffo ha depositato un fascicolo d’indagine difensive allegando anche una consulenza di carattere tossicologica, psichiatrica, criminalogica e psicologica con l’obiettivo preciso di sostenere che Foffo al momento
dell’omicidio Varani era incapace di intendere e di volere.