Un italo-americano alla corte di Trump. È Vincent Viola, segretario dell’esercito

Sbarca anche un italo-americano nell’amministrazione Trump: il presidente eletto ha designato come segretario dell’esercito Vincent Viola, 60 anni, nato a Brooklyn da una famiglia italo americana. Suo padre era un immigrato e lavorò come camionista, il figlio è diventato un miliardario, fondatore di varie società (tra cui Virtu Financial) e proprietario della squadra di hockey Florida Panthers (Florida), acquistata nel 2013 per circa 250 milioni di dollari. “È la prova vivente del sogno americano”, ha commentato Trump.

Viola è stato ufficiale dei paracadutisti

Viola ha frequentato l’accademia militare di West Point e ha prestato servizio militare come ufficiale dei paracadutisti. Nel 2003 ha fondato e contribuito a finanziare la creazione del centro di combattimento antiterrorismo a West Point. Il segretario dell’esercito non e’ un posto di gabinetto e dipende dal segretario alla Difesa. Si occupa di tutte le questioni che interessano le forze armate: personale, installazioni, comunicazioni, problemi ambientali, acquisto di sistemi bellici ed equipaggiamenti, gestione finanziaria.