Toti: “Il No ha punito la sguaiata campagna elettorale del governo”

«Il referendum apre una nuova storia e una nuova era. La legislatura è finita, perché è una legislatura costituente aperta da Napolitano per fare le riforme, pertanto si sarebbe conclusa comunque». A dirlo Giovanni Toti, poco prima dell’annuncio delle dimissioni del premier. «Vorrei solo che questa legislatura si concludesse in modo dignitoso per la nostra democrazia e vorrei che la signora Boschi e il signor Renzi mantengano la promessa e si vadano a dimettere questa notte», ha detto il Governatore della Liguria e consigliere politico di Silvio Berlusconi, intervenendo a Matrix.

Toti: “La legislatura è finita, ora si vada al voto”

Toti ha aggiunto che «la campagna elettorale del governo nelle ultime settimane è stata esagerata e sguaiata». L’elenco è lungo. «I soldi distribuiti dal Cipe a due giorni dal voto, i patti con le città, il contratto del pubblico impiego firmato in zona Cesarini, la Finanziaria. E mi ha deluso anche la classe dirigente di questo paese con le lettere mandate ai dipendenti delle aziende per votare Sì. Non si è dimostrata una classe dirigente all’altezza del Paese». Il governatore della Liguria ha sottolineato che «gli italiani si sono invece dimostrati un grande popolo e una grande democrazia perché chiamati ad esprimersi su una cosa seria sono andati a votare in massa».