Terremoto, le nuove cifre: sono 17.300 le persone assistite in tende e alberghi

24 agosto, 26 ottobre, 30 ottobre. Le immagini devastanti del terremoto, il dolore, le vittime. E ora gli aiuti. Sono più di 17.300 le persone assistite dal Servizio nazionale della Protezione Civile. In particolare, sono circa 4.700 le persone assistite in palazzetti, centri polivalenti e strutture allestite ad hoc nel proprio comune. 9.400, invece. sono accolti presso le strutture alberghiere lungo la costa adriatica e sul lago Trasimeno. Circa 2.900 in strutture ricettive distribuite sul territorio.

Terremoto, la dislocazione delle persone assistite

Restano 326 le persone assistite in tende. Una ventina nella regione Lazio e i restanti in Umbria. Nelle Marche sono poco meno di 12.200 gli assistiti. Di questi, 2.800 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale, circa 1.650 in strutture ricettive sul territorio e poco più di 7.720 negli alberghi della costa. In Umbria gli assistiti sono poco più di 3.550. Oltre 1.600 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale;  circa 450 in strutture ricettive sul territorio; meno di 1.200 negli alberghi individuati in altre aree nella stessa regione e sul lago Trasimeno. Sono circa 300 le persone assistite in tenda. 

Nelle strutture di prima accoglienza e in tenda

Nel Lazio sono circa 650. Poco più di 30 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale e una ventina in tenda. Le restanti persone hanno scelto di trasferirsi fuori regione: circa 480 negli alberghi della costa adriatica e oltre cento presso gli alloggi del piano Case e Map messi a disposizione in Abruzzo. In Abruzzo, infine, sono circa 930 gli assistiti, Di questi, più di 220 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale e circa 700 in strutture ricettive sul territorio.