Teramo, 8 minori stranieri palpeggiano una compagna a scuola: denunciati

Ancora violenza. Ancora un atto di bullismo. E il palcoscenico è per l’ennesima volta la scuola. A farne le spese una ragazzina. Per una decina di giorni i suoi compagni le hanno reso la vita impossibile a Teramo. L’hanno aspettata fuori dalla scuola. L’hanno rapinata e portato via il cellulare e piccole somme di denaro. E hanno cercato più volte di palpeggiarla. Atti di bullismo spinto quelli messi in atto da otto ragazzini, tutti quindicenni e di origine straniera, nei confronti di una coetanea italiana che frequenta il loro stesso istituto tecnico.

La denuncia per la violenza a scuola

La violenza a scuola è costata ai giovanissimi stranieri la denuncia per rapina e tentativo di violenza sessuale. Per due di loro, inoltre, al termine delle attività di indagine svolte dai carabinieri, è scattata l’ordinanza di custodia della permanenza in casa emessa dal tribunale dei minori dell’Aquila. Le indagini erano scattate dopo che all’inizio dell’anno scolastico i genitori della ragazzina erano andati dai carabinieri per denunciare gli atti di violenza e di bullismo subiti dalla figlia.