Strage di Berlino, la mamma di Fabrizia: «Sento che ci ha lasciati»

«È un dolore troppo grande… sento che mi ha abbandonata… Era così contenta, felice di essere lì… È triste che una persona esca dal lavoro e non rientri più». La mamma di Fabrizia Di Lorenzo, la giovane di Sulmona che risulta dispersa dopo l’attentato a Berlino, non riesce a trattenere le lacrime. Giovanna Di Lorenzo ha parlato con il vescovo di Sulmona Angelo Spina, che ha assicurato alla famiglia la vicinanza nella preghiera dell’intera diocesi. Qualche ora prima il papà Gaetano aveva detto ai giornalisti che lo avevano chiamato telefonicamente: «Non sono in condizioni di parlare». Poi una voce femminile, presumibilmente la madre della ragazza aveva preso il telefono implorando: «Lasciateci in pace». La famiglia della ragazza ora si trova a Berlino in attesa dei risultati delle analisi del Dna. Solo dopo la comparazione del profilo genetico le sue condizioni potranno essere ufficializzate.

Strage di Berlino, parla il cugino di Fabrizia

L’unico a dare qualche informazione è stato il cugino di Fabrizia, Danilo Bianchi: «A mia zia le autorità tedesche ancora non consentono di poter procedere al riconoscimento. Proprio perché sono ancora in corso le operazioni preliminari mirate a stabilire l’eventuale legame di parentela. In questo momento non possiamo fare altre che pregare e sperare».