Smog, arriva la stagione dei blocchi del traffico: cominciano Torino e Roma

Smog, comincia la stagione dei blocchi del traffico. Tocca per prime a Torino a Roma, che risultano essere in questi giorni, insieme a Milano, la città in cui risulta più alto il tasso di inquinamento atmosferico.  Scatteranno infatti da mercoledì prossimo i primi  per ridurre lo smog nella Città della Mole. Ad annunciarlo è l’assessora comunale all’Ambiente Stefania Giannuzzi che emetterà un’apposita ordinanza. “La fase operativa del protocollo regionale anti smog – spiega – entrerà in vigore a partire dal 14 dicembre e saranno adottati diversi gradi di intervento di blocco della circolazione per ridurre il livello di inquinamento su tutto il territorio cittadino”. In particolare, l’attivazione delle misure urgenti di limitazione delle emissioni previste riguarderanno i veicoli diesel euro 3, al superamento dei 50mg/m3 per più di 7 giorni consecutivi, e i diesel euro 4 al superamento dei 100mg/m3 per più di 3 giorni di seguito. Quando, invece, verrà raggiunto o superato per 3 giorni di fila il limite giornaliero pari a 150 mcg/m3 saranno invece bloccati tutti i veicoli diesel. Da qualche giorno è già scattato il semaforo giallo della Regione, che viene acceso quando la soglia di 50 mg/m3) viene superata per oltre 7 giorni.

Stop ai veicoli più inquinanti  domani anche  all’interno della Fascia Verde di Roma. Lo annuncia il Campidoglio spiegando che il divieto di circolazione scatterà alle 7:30 e terminerà alle 20:30. “La misura – si legge in una nota – è stata adottata sulla base dei criteri indicati nel Piano di intervento operativo, come stabilito dalla delibera n.76 del 28 ottobre 2016. I rilevamenti hanno, infatti, evidenziato livelli di inquinamento elevati e una situazione di criticità di cui si prevede la persistenza nei prossimi giorni”.

Meno grave, anche se desta comunque preoccupazione, la situazione dello smog Milano. Non è al momento alcun blocco alla circolazione dei Diesel Euro 3. In città, diversamente da quanto accade in altre zone della Lombardia, non si è “per ora” verificato il superamento, per 7 giorni consecutivi, del limite giornaliero di pm10 di 50 microgrammi per metro cubo. Lo ha reso noto il Comune, ricordando che le misure previste dal Protocollo anti-inquinamento promosso da Regione Lombardia e Anci Lombardia cui il Comune di Milano aderisce “scattano effettivamente dal giorno successivo all’acquisizione ufficiale del dato, quindi al 9° giorno di superamento”. A Milano i giorni consecutivi di sforamento registrati ad oggi sono 5.