Il sindaco arrestato per ‘ndrangheta diceva: “Combatteremo le mafie” (VIDEO)

C’è anche il sindaco di Bova Marina, Vincenzo Crupi, tra gli arrestati nell’operazione di carabinieri della provincia di Reggio Calabria contro la ‘ndrangheta. Crupi, che è ai domiciliari, è accusato di corruzione per l’appalto per la raccolta dei rifiuti nel suo comune, “controllato” dalla cosca Iamonte. Ai domiciliari, con la stessa accusa, il vicesindaco e l’assessore al Turismo di Brancaleone, Giuseppe Benavoli ed Alfredo Zappia, e l’ex sindaco di Melito Porto Salvo, Giuseppe Iaria, già coinvolto in una precedente operazione. Il sindaco di Bova Marina è figlio dell’intellettuale comunista Pasquino Crupi, al quale è stato anche intitolato il palazzo della Cultura di Reggio Calabria. Su youtube è ancora reperibile un video della campagna elettorale del 2014, dove Vincenzo Crupi promette, tra l’altro, il suo personale impegno nella lotta contro la ‘ndrangheta.