Salvini: «E ora andiamo a votare con ogni legge. Noi siamo pronti» (video)

Netto, nettissimo trionfo del No, un risultato storico. “Una vittoria di popolo contro i poteri forti. Ora attendiamo rispettosamente la sentenza della Consulta, che speriamo arrivi presto. Ma al di là di qualunque scelta della Consulta, siamo pronti a votare il prima possibile con qualunque legge elettorale“. Dopo l’esiltanza arrivano i ragionamento sul dopo, sul da farsi per rispettare l’esito della sonora bocciatura del governo Renzi. Il segretario della Lega, Matteo Salvini, risponde subito alla richiesta di Matteo Renzi al fronte del No di formulare una proposta di legge elettorale, espressa subito dopo aver dato le sue dimissioni. “Non pensiamo che l’Italia possa permettersi mesi di dibattito sulla nuova legge elettorale”, ha aggiunto. Aveva esultato così al risultato storico ottenuto da No: “Giornata  eccezionale, una giornata di liberazione nazionale. E’ stata una vittoria di popolo contro i poteri forti”.

Salvini: «Il centrodestra è pronto, niente inciuci»

“Il dopo-Renzi è un’emergenza nazionale che siamo pronti a gestire” ma “chi vuole allearsi con la Lega non deve fare inciuci o governicchi”. Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini. A chi gli chiedeva di primarie del centrodestra, Salvini ha risposto: “Siamo pronti a confrontarci”. “Il centrodestra? Il voto di oggi – ha risposto – supera queste distinzioni”. Per il segretario della Lega la base di un programma comune resta il ritorno alla sovranità nazionale e politiche chiare in materia di sicurezza e immigrazione. “Abbiano il dovere – ha concluso – di essere un’alternativa seria a Renzi”. Ecco le prime battute di Salvini dopo i primi exit-poll nella tarda serata, prima che con le dimisioni di Renzi giunte poco dopo la Mezzanotte la nottata assumesse dimenzioni “epiche”.