Referendum, alle 12 l’affluenza al voto è stata il 20,1 per cento

Quando mancano i dati di soli 200 comuni su un totale di 7.998, l’affluenza alle urne alle ore 12 per il referendum ha superato di poco il 20%. Lo si rileva dal sito del ministero dell’Interno. Nel 2006 per l’altro referendum costituzionale alla stessa ora l’affluenza era al 10%. Lo spoglio delle schede inizierà subito dopo la chiusura dei seggi, alle ore 23.

Invito al voto di Giorgia Meloni

“Tu sei andato a votare? No? Allora che aspetti?”: è questo l’invito al voto per il referendum che il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni rivolge agli elettori dalla sua pagina Facebook dopo essersi recata alle urne.

Berlusconi: “Abbiamo una grande battaglia da fare”

Dopo aver votato Berlusconi ha rivolto un pensiero ai giovani elettori: “Abbiamo una grande battaglia da fare, penso che la potranno fare i giovani”, poi rivolgendosi a un diciottenne: “Vai a casa e questo primo voto devi segnartelo sul diario e magari, aspettando il risultato, dopo berti una bottiglia di champagne, ma non tutta tu”.

Salvini: “Da domani comincia una nuova era”

“Se Dio vuole è finita. Domani ricomincia spero una nuova era. La politica tornerà normale con i piedi per terra, torna a dialogare, a discutere, ad occuparsi dei problemi dei cittadini e non ci sarà più il re del mondo che si ritiene tale”. Sono le parole di Matteo Salvini, leader della Lega Nord, dopo aver votato per il referendum nel seggio della scuola elementare di via Ruffini, vicino alla chiesa di Santa Maria delle Frazie, a Milano. Salvini, giacca a vento flou sopra ad una maglia del Milan, scherzando ha detto: “oggi ci sono due vittorie da portare a casa”, riferendosi al referendum e alla partita Milan-Crotone. Il segretario federale uscendo dal seggio non ha fatto mistero su quale casella ha messo alla croce.