Rapinatori in azione a Gravina: ecco le immagini che li inchiodano (video)

Incappucciati, armati di quella che – solo a cose fatte – si rivelerà essere una pistola-giocattolo, decisi a depredare e pronti alla fuga… a piedi. Ricotruita in questi termini potrebbe sembrare una rapina beffa, quella realizzata da due giovani di 19 e 26 anni di Altamura (Bari) a Gravina in Puglia, che dopo aver fatto irruzione a viso semicoperto in una parafarmacia, hanno minacciato e hanno rapinato tre dipendenti, per poi fuggire a piedi. I due, che ora hanno un volto e un nome grazie alla tempestiva operazione dei carabinieri e alla descrizione dei presunti rapinatori diramata in brevissimo tempo, sono stati individuati e fermati da militari in borghese, in servizio antirapina nella stazione ferroviaria, mentre erano in procinto di prendere il treno per Altamura. Perquisiti, sono stati trovati in possesso 600 euro (l’incasso del negozio appena rubato) e dell’arma utilizzata a scopo intimidatorio, una Beretta rivelatasi un giocattolo, ma perfettamente identica all’originale. E a conferma che i due sospetti individuati e fermati dai carabinieri fossero i rapinatori di cui si era in cerca, sono arrivate infine le immagini dei filmati di videosorveglianza della parafarmacia rapinata (che riportiamo nel video in apertura) che, oltre a documentare la dinamica dell’evento, hanno praticamente confermato l’identità dei due giovani con ancora indosso gli stessi indumenti utilizzati per il colpo.

Il video della rapina

Il video è privo di sonoro ma riprende, fotogramma dopo fotogramma, gli interminabili attimi di paura vissuti dai tre addetti alle vendite quando, alle sette di sera di martedì, due banditi, incappucciati, uno dei quali armato di pistola, hanno fatto irruzione all’interno di una parafarmacia di via Silvio Pellico e sotto la minaccia dell’arma sono riusciti a rapinare l’incasso ai tre dipendenti presenti, minacciati e terrorizzati. E tutto nel panico generale degli altri clienti, paralizzati dalla paura come si evince dalle immagini registrate delle telecamere di videosorveglianza, da cui si evince chiaramente che i due sono riusciti a guadagnare la fuga, facendo perdere le proprie tracce – e non prima di aver razziato tutto quello che potevano – nell’assoluta immobilità dei presenti. Poi,a quanto riscotruito, i due rapinatori, a piedi e con disinvoltura, sono riusciti a raggiungere la locale stazione ferroviaria, pronti a prendere il treno diretto ad Altamura, se non fosse che, al momento di salire, sono stati bloccati da due Carabinieri della Stazione di Gravina in Puglia.