Papa Francesco boccia Merkel & co. “All’Europa di oggi mancano leader”

Da Merkel a Hollande, da Renzi a Barroso. Papa Francesco boccia in poche parole tutti i leader politici europei.  Lo fa attraverso un’intervista a un giornale cattolico belga.  «Quel “Mai più la guerra!” – dice Bergoglio al settimanale Tertio – credo che sia una cosa che l’Europa (dopo la prima guerra mondiale, ndr) ha detto sinceramente, l’ha detto sinceramente: Schumann, De Gasperi, Adenauer… lo dissero sinceramente. Ma dopo… Al giorno d’oggi mancano leader. All’Europa ha bisogno di leader, leader che vadano avanti…». Da segnalare che l’intervista al settimanale cattolico belga “Tertio” ha ricevuto piena ufficialità con la pubblicazione dalla Sala stampa vaticana.

Per Papa Francesco “siamo nella terza guerra mondiale”

«Al continente europeo ho parlato tre volte – spiega il Papa – due a Strasburgo e una l’anno scorso, o quest’anno, non ricordo, quando c’è stato il Premio Carlo Magno [6 maggio 2016]. Credo che quel “Mai più la guerra!” non è stato preso sul serio, perché dopo la Prima c’è stata la Seconda, e dopo la Seconda, c’è questa terza che stiamo vivendo adesso, a pezzetti. Siamo in guerra. Il mondo sta facendo la terza guerra mondiale: Ucraina, Medio Oriente, Africa, Yemen…. È molto grave».

Il Papa: “La guerra produce ricchezza, il prezzo è il sangue”

«Quindi, “Mai più la guerra!” lo diciamo con la bocca, ma intanto fabbrichiamo armi e le vendiamo; e le vendiamo agli stessi che si combattono; perché uno stesso fabbricante di armi le vende a questo e a questo, che sono in guerra fra di loro. È vero. C’è una teoria economica che non ho provato a verificare, ma l’ho letta in diversi libri: che nella storia dell’umanità, quando uno Stato vedeva che i suoi bilanci non andavano, faceva una guerra e rimetteva in equilibrio i propri bilanci. Vale a dire, è uno dei modi più facili per produrre ricchezza. Certo, il prezzo è molto alto: il sangue.