Mosca, azienda ucraina dall’Olanda prepara cyber-attacchi alle nostre banche

Servizi speciali stranieri si stanno preparando ad effettuare «massicci attacchi informatici», a partire dal 5 dicembre, volti a «destabilizzare il sistema finanziario della Russia».
L’Fsb, il Servizio di Sicurezza Federale russo, citato dalle agenzie di stampa, anticipa le mosse degli hacker stranieri svelando il piano e rivela che l’obiettivo è quello di «compromettere» l’attività di «una serie d’importanti banche russe».
Ma l’Fsb non si limita a lanciare l’allarme. I suoi specialisti di counterintelligence hanno già identificato e georeferenziato gli autori dei cyber-attacchi imminenti: i server e centri di comando funzionali ai cyber-attacchi, fanno sapere dal Servizio di Sicurezza Federale russo, si trovano «nei Paesi Bassi» e sono di proprietà della società di hosting ucraina BlazingFast.
I cyber-attacchi dovrebbero essere accompagnati da un invio di massa di sms e post «provocatori» nei Social network o sui blog a proposito di «una crisi creditizia in Russia e del sistema finanziario, il fallimento e la revoca di licenze di importanti banche federali e regionali», dice l’Fsb.
«La campagna è diretta contro alcune decine di città russe», sottolinea il Servizio di Sicurezza di Mosca che sta «portando avanti le misure necessarie per neutralizzare le minacce alla sicurezza economica della Russia» e sta «raccogliendo le informazioni su questa campagna di attacchi».
I principali istituti finanziari – Vtb e Sberbank – hanno detto di non aver riscontrato, per il momento, problemi e che le operazioni vengono condotte in regime di assoluta «normalità».