L’uomo ucciso a Milano è Amri: il killer di Berlino. Le impronte corrispondono

L’uomo ucciso nella sparatoria a Milano è il killer di Berlino Anis Amri. Lo si apprende da diverse fonti investigative a Milano e a Roma. L’identificazione dell’uomo ucciso a Sesto San Giovanni è arrivata sia dai tratti somatici sia dalla comparazione delle impronte. Dagli accertamenti dalla Digos, coordinati dal capo dell’antiterrorismo milanese Alberto Nobili, Anis Amri, il killer di Berlino, è arrivato in Italia dalla Francia, in particolare da Chambery, in Savoia, da dove ha raggiunto Torino. Dal capoluogo piemontese ha preso poi un treno per Milano dove è arrivato attorno all’una di notte. Infine dalla Stazione Centrale si è spostato a Sesto san Giovanni dove attorno alle 4  ha incrociato i due agenti della volante che poi, durante una sparatoria, lo hanno ucciso.

Amri, i media tedeschi rilnciano la notizia

I media tedeschi, tv e siti online dei quotidiani, hanno immediatamente rilanciato la notizia dell’uccisione del killer di Berlino. Le tv sono in edizione straordinaria, collegate con i corrispondenti dall’Italia che raccontano in diretta gli sviluppi. Si attende la dichiarazione ufficiale del ministro dell’Interno italiano.