La montagna fa altri morti: precipitati due escursionisti in val di Susa

Ancora morti in montagna. Gli ultimi sono due escursionisti, 59 e 71 anni, morti dopo essere precipitati in un canalone nella zona del Civrari, a quota 2 mila metri, sulle montagne tra la Valle di Susa e la Valle di Viù, in provincia di Torino. Soccorso alpino e vigili del fuoco, impegnati nelle operazioni di recupero con i carabinieri, li cercavano da ieri pomeriggio, quando i parenti hanno dato l’allarme preoccupati per il loro mancato rientro a casa. Le ricerche dei due escursionisti erano scattate nella serata, in seguito al ritrovamento della loro auto in borgata Favella (Rubiana). Sono stati i cani del soccorso alpino, impegnato nelle operazioni con vigili del fuoco, carabinieri e soccorso alpino della guardia di finanza, a individuare loro tracce lungo il sentiero che porta al Colle della Croce. I due escursionisti morti sono stati individuati questa mattina nel canalone, dove sono scivolati per almeno 150 metri. Difficili le operazioni di recupero, a causa del maltempo che impedisce l’impiego dell’elicottero. I due escursionisti, entrambi della provincia di Torino, erano esperti appassionati di corsa in montagna. Cosa che purtroppo non li ha messi al riparo dall’andare incontro a questo tragico destino.