Il Nyt incorona Totti: “The Core of Roma”. «Rimane solo lui dei grandi»

Un’altra medaglia per Francesco Totti. Un riconoscimento che  arriva dall’America. Il capitano giallorosso riceve il tributo del New York Times. A 40 anni di anagrafe e 23 di calcio, tutti con la maglia della Roma: un curriculum quantitativo e qualitativo che non sfugge al  quotidiano Usa, di solito assai poco attento allo sport, specie se non coniugato al mondo americano. La prestigiosa testata dedica un ampio articolo al numero 10 giallorosso, ultimo epigono di un calcio fatto di giocatori simbolo.

“A Roman to the Core, and the Core of Roma” è il titolo del lungo articolo che gioca su uno degli epiteti dati al capitano della squadra della Capitale per raccontare come Totti sia romano ‘fino al midollo’, e il ‘nucleo vitale’ di Roma. Il ritratto parla di un ragazzo ‘nato e cresciuto’ nella sua città, innamorato della sua maglia nonostante le offerte di Milan e Real, il cui crepuscolo è “apparentemente senza fine”. “La maggiorparte dei suoi coetanei sono finiti nel dimenticatoio – scrive Nyt – Ha giocato in nazionale con Del Piero e Nesta, nella serie A di Zidane, Ronaldo, Batistuta, in un’epoca in cui i giocatori simbolo erano Gerrard, Giggs o Xavi. Ora rimane solo lui. E’ quel che resta di un tempo in cui gli esteti del pallone avevano la precedenza sugli atleti”. Perché, per dirla con le parole dello stesso Totti “per me il calcio è tutto nella testa: prima di calciare, devi capire dove vuoi mandare il pallone”. Dei grandi del calcio contemporaneo, racconta poi il n.10 al Nyt, avrebbe voluto giocare non con Messi o Cristiano Ronaldo, ma con Ronaldo ‘il fenomeno’, il più forte di tutti. Ma con la maglia della Roma, ovviamente, perché “ho sposato due passioni: il calcio e questa squadra, e non ho mai voluto altro”. Così Nyt passeggia per le strade della Capitale, alla ricerca dei murales che lo ritraggono e della passione che lo accompagna. “Totti – conclude il giornale Usa – appartiene non solo alla Roma, ma a Roma”. 

 “Se sono rimasto sempre qui a Roma e sono felice è anche grazie a te! Buon compleanno ma’!”. Così Totti in un post su Facebook invia gli auguri di buon compleanno alla madre Fiorella. “Sono fortunato ad aver vestito una sola maglia in carriera, è fondamentale per me – ha detto il capitano al Nyt – E’ qualcosa che ho sempre voluto, essere uno di quei giocatori che indossano gli stessi colori, un tifoso e un giocatore della stessa squadra. Il mio è un amore per il calcio, ma anche per la Roma. Il calcio è una passione, più di un gioco. Ma più di tutto c’è l’amore per la Roma. Non conta nient’altro. Ho 40 anni, lo so, numericamente me li sento, ma fisicamente no. E continuerò a giocare finché mi divertirò”. Il giorno del ritiro, insomma, ancora non è stato fissato. “Non ci sto pensando, non so cosa farò. Ma so che sarà un’altra vita, un altro mondo. Mi piacerebbe che nel settore giovanile ci fosse qualcuno pronto a fare quello che ho fatto io o che sta facendo De Rossi, ma nel calcio moderno, purtroppo, è difficile” conclude il n.10.