Il centrodestra festeggia: “Smascherato il bluff di Renzi, ora si dimetta”

“Aspettiamo i dati definitivi ma il trend è significativo. Gli italiani hanno voluto dire la loro sul governo e non solo sulle riforme, io mi aspetto che Renzi tragga conseguenza dal messaggio che gli italiani gli mandano. Dovrebbe rassegnare le dimissioni. Il messaggio è anche per Mattarella: gli italiani non vogliono un governicchio si vogliono scegliere il governo”. Fratelli d’Italia, con Giorgia Meloni, festeggia i primi risultati che arrivano dagli exit poll e che sanciscono un divario enorme tra il No, vittorio, e il Sì perdente con grande margine. “Se si confermano i risultati, anche con una forbice minore, Renzi dovrebbe prenderne atto. Ora si modifichi la legge elettorale e si vada al voto per consentire agli italiani di avere un governo e un parlamento legittimi”, afferma il capogruppo di Fratelli d’Italia Fabio Rampelli.

Soddisfazione anche da Forza Italia: “Con la prudenza che occorre al momento, se i dati non ufficiali del Referendum saranno confermati, gli italiani hanno evitato al Paese un salto nel buio respingendo una riforma costituzionale sbagliata. Renzi è stato battuto dagli elettori che non hanno creduto alle falsa rappresentazione della riforma proposta e alle sue capriole mediatiche. Le riforme servono ma si devono fare in modo condiviso. La sconfitta politica di Renzi è certificata ancor più dall’alta e significativa affluenza alle urne. Mi sembra inevitabile ora un chiarimento politico che deve passare attraverso le dimissioni di Renzi”, dichiara il senatore di Forza Italia, Altero Matteoli. Renato Brunetta va al sodo: “Renzi si deve dimettere. Questa èuna grande vittoria della democrazia e se confermati i dati anche una grande vittoria del no”. Il primo a parlare, nel centrodestra, era stato il leader della Lega Matteo Salvini:  “Se fossero confermati questi dati sarebbe una grande vittoria dei cittadini e Renzi dovrebbe dimettersi nei successivi due minuti per andare subito a elezioni politiche”. Poi Salvini lancia un messaggio al centrodestra: “Siamo pronti da subito a dare un’alternativa, perché l’opzione Renzi gli italiani l’hanno rottamata. Per il centrodestra si apre una stagione di responsabilità e di possibile vittoria”, ha aggiunto.

La festa al Comitato per il No

Esulta anche il Comitato del No: “Sono commosso”, dice il presidente del comitato del No, Alessandro Pace, commentando gli exit poll che però teme colpi di coda dallo spoglio delle schede votate all’estero. “Aspetto i voti esteri. Da lì verrà il colpo di coda. All’estero le elezioni sono drogate. Non ci sono controlli. Uno degli impegni che i Parlamento deve assumere è modificare il voto estero. Ma ora sono orgoglioso del risultato attuale”, conclude il costituzionalista.