Governo, dibattito al Senato, ministri distratti: Grasso richiama all’ordine (video)

È in corso la seduta dell’Aula di Palazzo Madama, impegnata a dare il voto di fiducia al governo guidato da Paolo Gentiloni, previsto per il primo pomeriggio. Il clima dell’aula è abbastanza distratto. Gli interventi dei singoli senatori risuonano nel disinteresse generale, al punto che il presidente Grasso ha anche richiamato a «sciogliere i capannelli. Non siamo in una piazza». I banchi delle opposizioni sono semideserti. Per il momento, assenti il M5S e la Lega. Poche le presenze tra i senatori di Forza Italia.

 

Gasparri: «Oggi il Senato c’è, Renzi no»

“Se Renzi avesse dialogato con le opposizioni sulla legge elettorale e la riforma costituzionale non saremmo a questo punto. Oggi il Senato c’è, Renzi no“, dice il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri (FI) parlando con i giornalisti al Senato durante il dibattito sulla fiducia al governo Gentiloni. “Noi siamo sempre stati responsabili, anche quando abbiamo subito scippi di democrazia”, ha aggiunto il senatore. 

Calderoli: «Siamo davanti a un Governo di mummie»

“Non faremo nessun cartello. Usciremo dall’Aula perché non si possono guardare in faccia. Il cartello peggiore per loro è vederli tutti seduti attaccati ai banchi del governo”. Così il vicepresidente del Senato, il leghista Roberto Calderoli, commentando il dibattito sulla fiducia al governo Gentiloni. “Ormai abbiamo un governo di mummie. Siamo oltre l’accanimento terapeutico. Presto qualcuno farà una sana eutanasia contro questo esecutivo mummificato”.