Germania sotto attacco. Arrestati due kosovari: pronti per un altro attentato

Incubo terrorismo, indagini, manette. E soprattutto paura. Le autorità tedesche hanno arrestato due fratelli kosovari di 28 e 31 anni. L’accusa: stavano pianificando un attacco a uno dei più grandi centri commerciali della Germania. Per la precisione, nella città occidentale di Oberhausen. Lo riportano i media locali, citando la polizia. Le forze speciali hanno arrestato i due uomini a Duisburg, dopo informazioni fornite da fonti di sicurezza. Non è chiaro se ci siano collegamenti con l’attacco al mercato di Natale di Breitscheidplatz a Berlino.

Il centro commerciale di Oberhausen preso di mira

Gli investigatori stanno cercando di stabilire in quale fase di preparazione fosse l’attentato e se altre persone siano coinvolte, spiega la polizia della vicina città di Essen. Il centro commerciale preso di mira è il “CentrO”, uno dei più grandi del Paese con circa 250 negozi. Si trova in una vecchia acciaieria a Oberhausen, nell’ex cuore industriale della valle della Ruhr.

Tra le vittime di Berlino una cittadina ceca

Intanto si aggiumge altro dolore per l’attentato di Berlino. Tra le dodici vittime c’è anche una cittadina ceca. Lo ha reso noto oggi il ministero degli Esteri. La donna viveva da tempo con il marito nella capitale tedesca ed è la prima vittima ceca del terrorismo in Europa. ‘«Speravo che un cittadino ceco non sarebbe mai stato vittima di un attacco terroristico», ha detto il ministro degli Esteri Lubomir Zaoralek. «Sono molto dispiaciuto di ciò che è successo in seguito ad un atto terroristico assolutamente orribile. Ho compassione della famiglia della defunta». Da parte sua, il premier Bohuslav Sobotka ha detto che bisogna «rafforzare la nostra sicurezza e combattere senza compromessi contro questi pazzi fanatici».