GB, festeggò l’omicidio della deputata Cox: al bando gruppo neonazi

Il gruppo neonazista National Action, che ha festeggiato l’omicidio della deputata Labour Jo Cox uccisa lo scorso giugno, è la prima formazione di estrema destra a essere messa al bando nel Regno Unito e a venir dichiarata organizzazione terroristica. Ad annunciarlo il ministro dell’Interno Amber Rudd, in una giornata in cui anche la premier Theresa May si è duramente pronunciata contro l’antisemitismo e i crimini d’odio in aumento nel Paese. Aderire al National Action diventerà quindi, dopo il via libera scontato del parlamento, un crimine punibile in base al Terrorism Act del 2000. Il gruppo ha organizzato alcune manifestazioni nelle città britanniche mostrando scritte come “Hitler aveva ragione” e i suoi esponenti sono arrivati a evocare le “camere a gas” contro la comunità ebraica. Lo slogan sul loro sito, “morte ai traditori, libertà per la Gran Bretagna”, è stata l’unica dichiarazione fatta in tribunale da Thomas Mair, il killer della Cox condannato all’ergastolo. Intanto la premier May ha annunciato l’adozione da parte delle autorità del Regno della definizione di antisemitismo redatta dall’International Holocaust Remembrance Alliance