Cinema in lutto, è morta Carrie Fisher, la principessa Leila di “Guerre stellari” (VIDEO)

È morta Carrie Fisher, l’indimenticabile Principessa Leila (Leia nella versione originale) di “Guerre Stellari”. L’attrice, 60 anni, era stata ricoverata d’urgenza tre giorni fa dopo aver subito un arresto cardiaco mentre era su un aereo della United Airlines in volo da Londra a Los Angeles. La sua pettinatura era divenuta un’icona di stile in tutto il mondo, ed è proprio alla preparazione di quella pettinatura che la Fisher ha dedicato diverse interviste svelando pure alcuni aneddoti: «Ogni volta ci volevano due ore. Dovevo arrivare sempre alle cinque del mattino, molto prima rispetto a tutti gli altri. Era assurdo. Più tardi fui ospite del “Saturday Night Live”, dove mi fecero indossare una parrucca: quella si che era perfetta!».

Quando la principessa Leila incontrò i Rolling Stones

Tra i ricordi più divertenti, invece, c’era quello legato al collega Billy Dee Williams, che interpretava il ruolo di Lando Calrissian: «Per mettermi a mio agio – ricorda la Fisher – poco prima di baciarmi la mano mi sussurrava sempre qualcosa di molto sconcio». E poi c’è il capitolo Rolling Stones, proprio loro, il mitico gruppo capitanato da Mick Jagger. Quando girò “L’Impero colpisce ancora”, a Londra, il suo amico Eric Idle del gruppo comico Monty Python, le affittò la casa: «Ero giovane, molto giovane ed Eric invitò i Rolling Stones. Non potete nemmeno immaginare quello che accadde. Chiamai subito Harrison Ford: «Stanno per arrivare i Rolling Stones!», gli dissi. Il giorno dopo, però, avremmo dovuto svegliarci molto presto. Ci siamo ritrovati di fronte a una scelta molto difficile: la sveglia o i Rolling Stones? Abbiamo optato per entrambe le cose! Fino a quel momento non mi ero mai ubriacata per davvero. Ero solita dire che ero allergica all’alcol. Ma quella volta lo feci. Arrivammo sul set con due ore di ritardo: non stavamo smaltendo i postumi di una sbornia, semplicemente eravamo ancora ubriachi. E se guardate con attenzione la scena in cui io e Ford entriamo a Cloud City, vi accorgerete che avevamo il sorriso stampato in volto».

La scena preferita dalla principessa Leila? Quando doveva insultare Harrison Ford

Infine, la domanda che non poteva mancare: «La mia scena preferita? Mi piaceva molto andare alla velocità della luce. Ancora oggi ci provo – amava scherzare l’attrice – In ogni caso, credo che il momento più bello sia stato quando dovetti insultare Harrison Ford: “Presuntuoso, pezzente e cafone. Che imbecille!”, gli dissi una volta, fu divertente».