Brunetta: «A Renzi “viva l’Italia” lo ha detto chi ha votato No alle sue bugie»

“A Renzi viva l’Italia lo diciamo noi lo dice quel 60% degli italiani che ha detto di no ai suoi imbrogli e alla sua campagna acquisti, ai suoi 1000 giorni di menzogne. Con questo no si torna alla democrazia”,afferma Renato Brunetta, capogruppo alla Camera commentando le parole con cui il  premier Matteo Renzi si è congedato dal governo, accingendosi ad incontrare il presidente della Repubblica Mattarella. .”Voglie dire a Renzi che l’onore della riforma della legge elettorale non spetta a noi ma a tutto il Parlamento, alle forze di maggioranza e quelle di opposizione», è il ragionamento di Brunetta. Noi vogliamo una riforma con il più ampio consenso possibile. Non a colpi di maggioranza come ha fatto lui”, dice Brunetta replicando al premier Renzi che ha detto che la proposta di modifica della legge elettorale spetta al fronte del No. Dimostrando ancora una volta un cattivo rapporto con le dinamiche parlamentari. “Per Renzi è un game over.  Insomma “matteostaisereno”, afferma aggiungendo che si apre una nuova pagine democratica per un’iutalia che ha dimostrato di essere ostile a chi voglia modificare in maniera violenta e ingiustificata la carta costituzionale, senza una visione rispettosa dei poteri e degli elettori.