Berlusconi al Colle: «Non sosteniamo nessun governo, ci pensi il Pd» (video)

«Abbiamo illustrato a Mattarella quella che ci sembra l’unica strada possibile, l’approvazione in tempi rapidi di una nuova legge elettorale condivisa per poi consentire agli italiani di esprimersi con il voto». La posizione del leader di FI Silvio Berlusconi, al termine delle consultazioni, è categorica e non lascia spazio a ipotesi di inciuci. 

Lealtà ma niente inciuci da Berlusconi

Ma il leader degli azzurri manifesta disponibilità al presidente Mattarella per una leale collaborazione: «Cogliamo l’occasione per ribadire anche alla luce degli eventi di questi giorni la nostra considerazione per il senso di responsabilità istituzionale del presidente Mattarella e la fiducia nel suo ruolo di garante della vita democratica del Paese in questa fase delicata». Berlusconi pensa “a una nuova legge elettorale deve rendere omogenei i sistemi della Camera e del Senato e deve garantire corrispondenza fra la maggioranza parlamentare e quella del popolo. Siamo pronti a collaborare nel modo più costruttivo”.

Un nuovo percorso costituente

«Dopo il voto dovrà riprendere il percorso costituente in termini finalmente condivisi», ha detto il leader di FI , a capo della delegazione azzurra, composta anche dai capigruppo Paolo Romani e Renato Brunetta Un incontro durato circa 40 minuti. La giornata del capo dello Stato si era aperta con l’incontro di una rappresentanza di Sinistra Italiana-Sinistra ecologia. Poi è stata la volta dei gruppi di Ala e Scelta civica per finire con l’Ncd. Ieri il capo dello Stato ha ricevuto il gruppo Misto, le minoranze linguistiche, l’Udc, Fratelli d’Italia e la Lega Nord, ma è oggi la giornata più importante, con i colloqui con Pd, Movimento 5 Stelle e Forza Italia. In serata parlerà Mattarella.