Ucciso da un ex poliziotto l’ambasciatore russo in Turchia (video)

«Questo è il conto per la Siria!». Lo avrebbe detto prima di sparare l’attentatore dell’ambasciatore russo ad Ankara, Andrey Karlov, ucciso mentre teneva un discorso a una mostra nella capitale turca. Lo riporta Ntv. Un uomo armato ha sparato contro l’ambasciatore russo in Turchia. Secondo la Tass, un uomo armato ha sparato all’ambasciatore russo alla schiena quando questi stava finendo il suo intervento alla mostra fotografica “La Russia attraverso gli occhi dei turchi” ad Ankara. Pare che inoltre sia in corso sul posto una sparatoria tra la folla.

La polizia di Ankara ha già ucciso l’attentatore

Sarebbe stato un islamista radicale a sparare contro l’ambasciatore russo. Lo riferiscono fonti dell’ambasciata russa, citate da Hurriyet. L’attentatore avrebbe tra i 20 e i 25 anni. Pochi istanti dopo l’attentato è stato ucciso in un blitz della polizia. La zona dell’attacco è stata chiusa al traffico e si trova sotto stretta sorveglianza delle forze di sicurezza. Sul posto è giunto anche il ministro degli Interni turco, Suleyman Soylu. Domani era prevista la riunione a mosca tra ministri degli Esteri per la situazione di Aleppo. Successivamente si è appreso che è stato identificato come un diplomato dell’accademia di polizia di nome Mert Altintas l’attentatore. Lo scrive il quotidiano Sabah, secondo cui Altintas, 22 anni, si era diplomato nel 2014 all’accademia Rustu Unsal di Smirne. Infine, si apprende che Il dipartimento di Stato americano segnala sul suo twitter notizie di spari nei pressi dell’ambasciata americana ad Ankara, insieme con l’avvertimento ad evitare la zona. Non ci sono al momento conferme.