Amri filmato dopo l’attentato. Era di fronte alla moschea Fussilet 33

Anis Amri, il tunisino ricercato per l’attentato a Berlino, è stato filmato dalle autorità di sicurezza 8 ore dopo l’attentato. Era di fronte all’associazione-moschea “Fussilet 33”, nel quartiere di Moabit della capitale. Che oggi è stata perquisita dalla polizia. Lo rivela la tv pubblica Rbb sul suo sito, mostrando immagini di una telecamera. Il sito pubblica anche due altri fermo-immagine della telecamera che mostrano Amri di fronte alla moschea il 14 e il 15 dicembre.

La moschea considerata “sede” degli estremisti islamici

«La polizia berlinese non ha voluto commentare la notizia», scrive la Dpa che riporta l’indiscrezione di Rbb. Un recente rapporto del servizio segreto interno (Bfv) indicava l’associazione-moschea “Fussilet 33” come luogo d’incontro di estremisti islamici. «Durante le lezioni di islamismo che si tenevano lì, sarebbero stati radicalizzati diversi musulmani – in maggioranza turchi e ceceni – per unirsi all’Isis nella guerra in Siria», ha concluso la Dpa.