A quindici anni con la pistola in pugno: rapina a mano armata in farmacia

È accusato di avere compiuto una rapina a mano armata in una farmacia di San Luca. Ha appena 15 anni, è uno studente ed è incensurato. È stato fermato come indiziato di delitto dai carabinieri della locale stazione. Che, secondo quanto disposto dalla Procura per i Minorenni di Reggio Calabria, lo hanno posto ai domiciliari.

In farmacia un bottino di 1600 euro

Avviate le indagini i militari hanno attuato perquisizioni acquisendo filmati di videosorveglianza. Sopralluoghi sono stati fatti nella farmacia e nelle sue vicinanze alla ricerca dell’arma utilizzata e di qualunque altro indizio utile alle indagini. I carabinieri si sono messi subito sulle tracce del giovane che, pistola in pugno e con il volto parzialmente travisato dal collo del proprio maglione si era fatto consegnare l’intero incasso, circa 1.600 euro in contanti. Una volta identificato il minore, rintracciato nella propria abitazione, sono stati trovati e sequestrati alcuni indumenti. In corso ulteriori accertamenti per verificare la presenza di eventuali complici.