Egyptair, tracce di esplosivo sui corpi dei passeggeri morti nello schianto

Tracce di esplosivo sui corpi dei passeggeri morti nello schianto, La commissione d’inchiesta sull’incidente aereo del maggio scorso del volo Egyptair Parigi-Cairo, inabissatosi nel Mediterraneo lo scorso 25 maggio, ha rilevato tracce di esplosivo sui resti dei passeggeri. La notizia, che capovolge i primi esiti dell’inchiesta, è contenuto nel  rapporto della commissione stessa, come riferiscono fonti qualificate.

Egyptair, tracce di esplosivo

A bordo del volo Egyptair c’erano 66 persone. Dopo aver recuperato le due scatole nere, gli inquirenti egiziani avevano scoperto che nelle conversazioni in cabina di pilotaggio emergeva la parola “incendio”, ma che era prematuro saltare a conclusioni su quanto accaduto. A fine giugno, la Commissione d’inchiesta aveva annunciato che i dati estratti mostravano una “compatibilità” con i messaggi automatici di allarme che avevano segnalato fumo a bordo. Qualche settimana dopo, la nave John Lethbridge ha concluso la sua missione di ricerca dei resti delle vittime, assicurando di avere recuperato tutti i corpi, poi trasportati al Cairo per le analisi. Inoltre secondo gli esiti dello scorso maggio, gli inquirenti che indagano sul volo Egyptair riportarono la notizia che i  rottami presentano segni di danni causati da alte temperature e fuliggine.

Tutte le versioni dall’inizio

All’epoca il quotidiano egiziano Al Ahram, vicino al governo, riferì di documenti firmati dl comandante Mohamed Shuqeir alle 22,30 locali, 49 minuti prima di decollare alla volta del Cairo dove non arrivò mai: il velivolo sparì infatti dai radar alle 2,29 nei cieli del Mediterraneo tra Creta e Rodi. Lo stesso responso era stato dato anche dall’ingegnere della EgyptAir che esaminò l’A-320 all’aeroporto parigino Charle de Gaulle e che controfirmò il cosiddetto Aircraft Technical Log, il documento che attesta le condizioni proprio degli aerei di linea. Secondo Al Ahram l’Airbus 320 ha inviato 11 segnalazioni dall’accensione dei motori fino alla scomparsa. I messaggi inviati dal velivolo non rilevano alcun problema fino alle 2,26 quando è stato registrato un cambiamento di temperatura al finestrino destro della cabina di pilotaggio. Subito dopo sono stati inviati altri sei messaggi, uno dei quali riferisce di fumo in uno dei bagni del velivolo, fino alle 2,29. Secondo la tv pubblica egiziana, invece, le autorità hanno richiesto l’intervento di due società, una italiana e una francese, per cercare le scatole nere del velivolo. Non vengono citati i nomi delle aziende. Al Cairo si rincorse una ridda di voci sul risultato degli esami autoptici sui primi resti umani ritrovati delle persone che erano a bordo del volo Egyptair MS804. Prima fonti mediche anonime hanno sostenuto che le condizioni in cui sono stati trovati i frammenti dei corpi suggerivano che l’aereo fosse esploso. Poi un portavoce del ministero della Giustizia escluse esplicitamente che ci fossero tracce di esplosivo nei tessuti umani.