Trump fa sul serio, il capo staff Priebus: “Stop immigrati islamici”

L’aveva promesso in campagna elettorale e ora Trump ha tutta l’intenzione di mantenere il punto in tema di immigrazione, in particolare su una stretta dei controlli dai paesi del terrorismo islamico. Su uno dei punti che sono stati più contestati al neopresidente Trump e sul quale si sta giocando la rottura degli schemi buonisti è stato chiarissimo  il capo dello staff della Casa Bianca di Donald Trump, Reince Priebus: “C’e bisogno di un miglior sistema di controlli. Ci sono persone fra i musulmani di cui abbiamo paura. Non crediamo nei test religiosi ma cercheremo di sospendere temporaneamente l’arrivo da alcune aree di immigrati negli Stati Uniti fino a che un miglior sistema di controlli non sarà in vigore”. Il riferimento di Reince Priebus è rivolto ai paesi sospettati di terrorismo.

“Prevenire l’ingresso dei radicalizzati dell’Islam”

“Non escludo nulla. Ma non avremo un registro basato su una religione”, risponde il capo staff della Casa Bianca nel corso di un’intervista a Nbc dove gli è stato chiesto in maniera diretta se si poteva ”senza equivoci escludere un registro per i musulmani”.   ”Non escludo nulla. Quello che stiamo cercando di dire è che ci sono alcune persone, non tutte, che sono radicalizzate e per le quali dovremmo prevenire l’ingresso nel paese”.