Terremoto, tenta una truffa su Fb chiedendo soldi: ma l’Iban era il suo

Ancora sciacalli che approfittano dei terremotati per lucrare qualche briciola sulla pelle dei disperati. Una miseria morale che – ultimo caso in ordine di tempo- coinvolge ora un uomo di 47 anni, residente a Roma. È stato denunciato per tentativo di truffa dai carabinieri di Norcia per aver pubblicato su Facebook (utilizzando un profilo probabilmente creato ad hoc, spiega l’Arma) una richiesta di aiuto per le popolazioni terremotate di Norcia ed Amatrice. C’era l’indicazione di un codice Iban che è risultato poi essere intestato allo stesso 47enne.

Terremoto: sciacallaggio via Fb

I militari, che parlano in proposito di “sciacallaggio via Web”, hanno scoperto che, attraverso un messaggio che puntava ad impietosire chi lo leggeva, abbinato ad alcune foto delle zone devastate dal sisma, l’uomo avrebbe cercato di ricevere versamenti su di un conto corrente a lui stesso intestato, fingendo che si trattasse dell’Iban di una sedicente “Associazione per terremoti Italia”. Da qui – come detto – la denuncia per tentativo di truffa. Tanti sono i casi di sciacallaggio tentati via web con fantomatiche raccolte di fondi da destinare ai terremotati, agli sfollati. E’ l’effetto più orribile moralmente di una catastrofe naturale e umana come un terremoto.