Se la coppia di fatto si separa per il cane scatta l’affido condiviso

Se la coppia di fatto si separa il cane è condiviso. Si, anche l’amico a 4 zampe come gli eventuali figli. Lo ha deciso il Tribunale di Roma. “Nel nostro ordinamento manca una norma di riferimento che disciplini l’affidamento di un animale domestico in caso di separazione dei coniugi o dei conviventi”, tuttavia siccome in Parlamento “giace da molti anni” una proposta di legge che indica la formula dell’affido condiviso – utilizzata per i figli minori – come la migliore soluzione per questi casi, il Tribunale, con un verdetto ‘innovativo’, ha deciso per l’affido condiviso di ‘Spot‘, un cagnolino di nove anni conteso dalla coppia di fatto arrivata alle vie legali. Per decisione del giudice monocratico della capitale adesso il cane, un meticcio ‘trovatello’, vivrà sei mesi con l’uno e sei mesi con l’altra “con facoltà per la parte che nei sei mesi non lo avrà con sé, di vederlo e tenerlo due giorni la settimana, anche continuativi, notte compresa”. I primi sei mesi con ‘Spot’ toccheranno alla ex che per tre anni è stata privata della compagnia del cane sottrattole dall’altro ‘padrone’ durante le vacanze di Natale del 2011. L’ex compagno non glielo aveva più fatto rivedere. Per questo è stato condannato a pagare tutte le spese della causa, per aver privato la ex di “un affetto fortemente percepito e privandone lo stesso cane”. Il giudice onorario di Roma ha ritenuto che l’affidamento condiviso “sia applicabile anche se le parti non erano sposate” dal momento che la proposta di legge ‘giacente’ “estende la competenza del Tribunale a decidere dell’affido dell’animale anche alla cessazione della convivenza more uxorio” e dato che ormai, anche se “con ritardo”, si tende sempre più “ad equiparare la coppia di fatto a quella fondata sul matrimonio”. “Ma ciò che più rileva – scrive il verdetto reso noto dal sito di informazione giuridica Cassazione.net – è che dal punto di vista del cane, che è l’unico che conta ai fini della tutela del suo interesse, non ha assolutamente alcuna importanza che le parti siano state sposate o meno: il suo legame ed il suo affetto per entrambe prescinde assolutamente dal regime giuridico che le legava”. ‘ Spot’ aveva vissuto con tutti e due durante la loro convivenza durata tre anni, all’anagrafe canina era stato registrato a nome di lei. Dopo la ‘separazione’ era rimasto con la donna e tutti i giorni l’ex compagno passava a trovarlo, fino al colpo di mano del ‘rapimento’ di ‘Spot’. Il giudice ha stabilito che cibo, cure mediche e “quanto altro eventualmente necessario al benessere” del cagnolino conteso deve essere pagato a metà dalla ex coppia di fatto. Durante il processo sono stati ascoltati diversi testi in favore dell’una e dell’altra parte, e quel che è emerso – scrive il giudice onorario Antonio Fraioli del Tribunale di Roma – è che “è indubbio che il cane si sia affezionato ad entrambe, le abbia identificate entrambe come suoi ‘padroni’, termine poco piacevole, e si sia abituato, per circa tre anni, a vivere a periodi alterni, con uno solo di loro, in abitazioni e luoghi diversi, condividendo abitudini di vita diverse”. Adesso l’alternanza del diritto a condividerlo è fissata da una sentenza.