Sarkozy si arrende e lascia il palco a capo chino dopo la sconfitta (video)

Il risultato è stato netto, il ko mortificante. Le primarie della destra in Francia hanno un grande sconfitto, l’ex presidente Nicolas Sarkozy. Com’è noto Sarkò è arrivato al terzo posto, dietro Juppé e Fillon, restando quindi escluso dal ballottaggio. Questa sconfitta, a sentire le sue parole e a leggere i retroscena dei quotidiani parigini, potrebbe significare l’addio alla scena politica.

La resa di Sarkozy

«François Fillon è colui che ha capito meglio di tutti le sfide che si presentano alla Francia. Voterò per lui al secondo turno – ha detto infatti Sarkozy salutando i suoi fedelissimi prima di scendere dal palco – Non sono riuscito a convincere una maggioranza di elettori. Rispetto questa scelta. Mi congratulo con Fillon e Juppé, due personalità di grande spessore che onorano la Francia. È tempo per me – ha concluso, commosso, Sarkozy – di cominciare una vita con più passioni private e meno passioni pubbliche. Francese sono e francese resto, tutto quello che riguarda la Francia mi toccherà sempre nel profondo del cuore. Nessuna amarezza, nessuna tristezza». Che la situazione fosse difficile lo si era capito già alcuni giorni fa quando, alla vigilia delle primarie, come un pugno allo stomaco era arrivata a Sarkozy l’accusa dei cinque milioni di euro dalla Libia, in contanti, consegnati in tre valigie a lui e al suo ex braccio destro Claude Guéant. Un vero e proprio nuovo siluro per l’ex presidente francese.