Raggi assente all’udienza per il Giubileo. “Non era previsto che venisse”

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi non era presente all’udienza concessa dal Papa agli organizzatori e collaboratori del Giubileo, e non era previsto che lo fosse. Un’assenza che ha determinato un vero e proprio giallo sui rapporti tra Vaticano e l’inquilina del Campidoglio.  Il vicedirettore della sala stampa vaticana, Paloma Ovejero, con quel suo “non era prevista la sua presenza”, ha voluto rimarcare una distanza o ha solo confermato il gelo tra papa Bergoglio e Virginia Raggi? O è stata la sindaca a decidere di disertare l’incontro?

All’udienza non c’è la Raggi, ma il vicecapo di gabinetto

Paloma Ovejero ha spiegato che il comune di Roma ha partecipato alla segreteria tecnica per il Giubileo con il vicecapo del gabinetto, Virginia Proverbio, la quale era presente all’udienza. Fatto sta che nell’elenco dei ringraziamenti fatti dal Papa la Raggi non è stata citata. E c’è stato subito chi, come Francesco Storace, ha ricordato che la “clava” di Bergoglio abbattendosi su Ignazio Marino non ha portato bene all’ex sindaco. Sarà lo stesso anche per Virginia Raggi? 

Raggi no, Zingaretti sì

Presente all’udienza invece Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, il quale ha voluto sottolineare che lui era stato invitato: “Io sono stato invitato – ha detto ai giornalisti che gli chiedevano lumi sull’assenza della Raggi – questa è una domanda che dovete rivolgere al sindaco”. 

Il grazie del Papa si è rivolto a quanti hanno reso possibile l’organizzazione del Giubileo, e hanno fatto in modo che si svolgesse in sicurezza. Il Papa li ha ricevuti nella Sala Clementina, erano circa 400 tra organizzatori e volontari dell’anno della misericordia, guidati dal presidente del Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione, mons. Rino Fisichella.