Putin attacca la Ue: «Comportamento criminale». E il suo consenso aumenta

Putin critica la Ue e la sua popolarità aumenta sempre più. Il rating di popolarità di Putin in Russia ha infatti raggiunto quota 86% eguagliando il livello record del novembre del 2008: è quanto emerge da un sondaggio del Centro demoscopico Levada svolto dal 18 al 21 novembre su un campione di 1.600 persone in 137 città di 48 regioni della Russia. Secondo sondaggi precedenti, l’operato di Putin era sostenuto in Russia dall’84% della popolazione ad ottobre, dall’82% a settembre, agosto e luglio, e dall’81% a giugno. Intanto l’approvazione da parte del Parlamento Ue di una risoluzione per contrastare «la propaganda di Paesi terzi», compresa ovviamente quella russa, «significa che siamo testimoni di un degrado politico della democrazia nei paesi occidentali»: lo ha dichiarato il presidente russo, citato dalla Tass.

Putin scandalizzato con il parlamento europeo

«Recentemente – ha commentato Putin – hanno cercato, e questi tentativi sono ancora in atto, di insegnarci la democrazia, e noi abbiamo sempre sentito da questi insegnanti che il modo più sbagliato per trattare gli oppositori è proibire qualcosa e che ciò non è in sintonia coi principi e con le norme della democrazia, mentre il modo migliore è una discussione aperta e la presentazione in questa discussione dei propri argomenti dissuadenti e forti». E dal Cremlino giunge un’analoga condanna: «È un crimine, l’attenzione della comunità internazionale viene distolta dalle minacce reali del terrorismo, del fondamentalismo, nonché del nazionalismo e della xenofobia crescenti»: così la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova, ha commentato alla tv di Stato russa la risoluzione approvata dal Parlamento europeo in cui si denuncia che «la pressione della propaganda sull’Unione europea da parte della Russia e dei gruppi terroristici islamici ìsta crescendo».