Napoli, ruba a scuola 38 computer e scassina le cattedre: smascherato

Con un crick di un’auto aveva divelto l’inferriata della scuola a protezione di una finestra al piano terra e si era introdotto nell’istituto tecnico industriale “Augusto Righi”, in viale Kennedy, nel quartiere di Fuorigrotta, a Napoli, la notte del 2 agosto. Una notte di effrazioni per entrare in ben 38 aule, scassinare 38 cattedre, impossessarsi di altrettanti computer, uno per classe.

Il ladro di computer a scuola ha problemi fisici

Si tratta dei computer coi quali i docenti aggiornano i registri e annotano e dirigono tutta la didattica. I carabinieri della stazione di Fuorigrotta hanno acquisito i filmati del sistema di videosorveglianza della scuola e iniziato l’analisi dei fotogrammi. Il ladro è stato riconosciuto per alcuni problemi fisici. All’autore del furto mancano infatti l’indice e il pollice della mano sinistra. Per qualche problema zoppica vistosamente, tanto da aver bisogno di camminare con una scarpa e una pantofola. E questo anche durante il furto a scuola. Poi, nel corso dei servizi di controllo del territorio, i militari dell’Arma sono riusciti a restringere la rosa dei sospetti e a identificare l’uomo. Si tratta di un 41enne già noto alle forze dell’ordine, residente nella zona. Immediata la perquisizione nella sua casa che ha portato al rinvenimento e sequestro dell’abbigliamento e delle calzature usati per il furto. Elementi che insieme ai suoi problemi fisici hanno portato il gip di Napoli all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare. Mentre continuano le indagini per cercare di recuperare la refurtiva e verificare se l’uomo sia coinvolto in episodi simili che hanno riguardato più di una scuola, i militari hanno portato l’uomo ai domiciliari, così come disposto dal giudice.