Maratona di New York, le fasi della corsa e gli applausi agli atleti (video)

La maratona di New York è una corsa annuale di 42.195 metri che si snoda attraverso i cinque grandi distretti di New York City. È la maratona più partecipata al mondo, con i suoi 43.545 atleti arrivati al traguardo nel 2009. I vincitori dell’edizione di quest’anno l’eritreo Ghirmay Ghebresiassie e la keniana Mary Keitany. Poca gloria in casa italiana. Il 36enne Giovanni Gualdi ha chiuso la maratona in 2h22’10”, Bernard Dematteis in 2h27’42”, il gemello Martin per onor di firma in 2h37’57”.

I due vincitori della maratona di New York

Come detto, Ghirmay Ghebreslassie e Mary Keitany sono i padroni della quarantesima maratona di New York. Il ventenne eritreo si è imposto per la prima volta. La trentaquattrenne keniana ha invece vinto per la terza volta consecutiva, come nessuna dai tempi della leggendaria norvegese Grete Waitz che, nell’ambito di nove successi complessivi, tra il 1982 e il 1986 fece addirittura pokerissimo. Il Paese degli altipiani festeggia l’impresa alla maratona della sua portacolori, rappresentante della scuderia del trentino Gianni Demadonna, ma manca l’obiettivo della quarta doppietta uomo-donna consecutiva. Alle spalle della Keitany due esordienti da applausi, entrambe figlie del movimento delle università nordamericane Ncaa: la connazionale Sally Kipyego (2h28’03”), argento olimpico a Londra 2012 sui 10.000 e, con un gran finale figlio di un’azione molto armoniosa, la statunitense Molly Huddle (2h28’13”), da Rio primatista nazionale sulla stessa distanza. Abdirahman e la Huddle: atlete di casa non salivano sul podio dal 2010.