Juanita Castro: «Fidel ha tradito Cuba e ha fatto fuggire milioni di persone»

«Fidel ha compromesso il futuro di Cuba, obbligando due milioni di persone ad abbandonare il Paese». Ad affermarlo è Juanita Castro, sorella del lider maximo. In un’intervista alla Stampa non fa sconti. Per lei Raul è una persona diversa. Ha fiducia in lui, «continuerà le riforme e avvierà Cuba verso una trasformazione democratica». E soprattuttospera che consenta al popolo di scegliere il prossimo governo. Anzi, dice Juanita, «penso che lo farà».

Juanita Castro spiega perché ha rotto con Fidel

«Una cosa era la rivoluzione, un’altra il regime instaurato dopo», spiega Juanita Castro. «Fidel non ha mantenuto le promesse. In parte lo ha fatto, ma il prezzo da pagare è stato troppo alto». La sorella di Castro vive a Miami. «Ho rotto con lui quando è diventato comunista e si è alleato con Mosca». Una scelta per lei inspiegabile. «Credo lo abbia fatto solo perché pensava che l’Urss lo avrebbe aiutato a durare».

«Basta odio e persecuzioni»

Su questo «ha avuto ragione, perché è rimasto al potere mezzo secolo», aggiunge Juanita Castro. «Però è stata una scelta sbagliata sul piano etico, e anche pratico». Adesso «dobbiamo voltare pagina e pensare al futuro». Basta «distruggerci a vicenda, dobbiamo perdonare». Serve un governo che «indichi un cammino comune, senza più odio, persecuzioni, tragedie, esodi».