Il Papa riceve Gewargis III: «Basta violenze sugli innocenti in Iraq e Siria»

Una frase a Gewargis III. Una frase su tutte: «Imploro la fine» della «violenza orribile di sanguinosi conflitti, che nessuna motivazione può giustificare o permettere», in Iraq e Siria, contro «centinaia di migliaia di bambini innocenti, di donne e di uomini», quando «nostri fratelli e sorelle cristiani, nonché diverse minoranze religiose e etniche sono purtroppo abituati a soffrire quotidianamente grandi prove». Lo ha detto il Papa al patriarca  della Chiesa assira.

L’incontro tra il Papa e Gewargis III

La condizione di iracheni e siriani innocenti è stata evocata anche dal patriarca Gewargis III della Chiesa assira d’Oriente, che ha anche suggerito la «convocazione di un raduno internazionale di tutti i patriarchi e primati delle Chiese apostoliche al fine di studiare e di capire come e perché – ha detto – simili e indicibili tragedie stiano avvenendo nella regione mediorientale. Gli abitanti di questi paesi d’Oriente – ha osservato il patriarca – ripongono in noi la speranza di poter essere salvati dalle loro orribili condizioni nella convinzione che qualsiasi cosa chiediamo sarà ottenuta». «Come tutti ben sappiamo – ha rimarcato Gewargis III – la condizione delle nostre antiche comunità cristiane in Iraq ha provocato il trasferimento forzato di migliaia di persone; donne, bambini e anziani hanno lasciato le loro case e continuano a spostarsi incessantemente, di città in città, di villaggio in villaggio, in cerca di una vita sicura». Gewargis III, nato Warda Daniel Sliwa (Habbaniyah, 23 novembre 1941) è un arcivescovo iracheno, dal 16 settembre 2015 catholicos e patriarca della Chiesa assira d’Oriente