Due rapine in pochi giorni appena uscito dal carcere: arrestato. Di nuovo

Due rapine in pochi giorni appena uscito dal carcere: quando si dice che “il lupo perde il pelo, ma non il vizio”… Deve essere stato proprio forte il richiamo del furto per Domenico Palazzo, 59enne di origini siciliane e senza fissa dimora che, appena uscito dall’istituto di pena in cui era detenuto, ha pensato bene di tornarci nel giro di breve, ma non prima di aver messo a segno altri due colpi, compiuti a ridosso della sua scarcerazione, uno dopo l’altro. 

Due rapine in pochi giorni appena uscito dal carcere

L’uomo, infatti, era uscito dall’istituto penitenziario da circa un mese e giovedì e venerdì, “tanto per tenersi in allenamento”, ha ideato e portato a compimento ben due rapine negli uffici postali di Tricesimo e Gemona del Friuli, in provincia di Udine, raccogliendo un bottino complessivo di circa settemila euro (300 nel primo colpo, e 6.500 circa nel secondo). I Carabinieri della Compagnia di Udine lo hanno fermato un paio d’ore dopo la seconda rapina e lo hanno trovato in possesso del denaro rubato. I militari dell’Arma, del resto, erano già sulle sue tracce dal giorno prima quando, grazie al dettagliato identikit fornito dai dipendenti e dai clienti dell’ufficio postale di Tricesimo che descrivevano il rapinatore come un uomo non giovanissimo, molto alto e magro, avevano ristretto il cerchio dei sospettati a pochi nomi. E dopo averlo individuato, anche trovarlo non è stato difficile per glia genti al lavoro sul caso: sapendo infatti che il rapinatore non aveva a disposizione mezzi propri per spostarsi, lo stavano aspettando nelle stazioni ferroviarie e delle corriere di Udine e Tolmezzo. E proprio a Udine, allora, l’uomo è stato bloccato e, una volta raggiunto dalle forze dell’ordine, non ha opposto resistenza. Nopn solo: è stato lui stesso ad indicare il cassonetto di Gemona dove aveva gettato la pistola giocattolo usata per le rapine “mordi e fuggi” compiute in pochi giorni. Ora Palazzo è in stato di fermo. Di Nuovo.