Blitz anti-prostituzione in Romagna e Lombardia: arrestati 11 romeni

Undici cittadini romeni, tra cui due donne, sono stati arrestati dai carabinieri (o sono in via di arresto) nell’ambito di un’indagine contro la prostituzione in strada. Gli undici, attivi anche a Bologna, Lodi, Cremona e Milano, sono accusati in particolare di fare parte con ruoli differenti – chi promotore e chi semplice affiliato – di un’associazione che controllava la prostituzione sull’intero tratto romagnolo della Statale 16 Adriatica. Sette di loro sono destinatari di un provvedimento di carcerazione chiesto dal Pm Alessandro Mancini che ha coordinate le indagini dell’Arma ravennate scattate circa un anno fa. Per gli altri quattro sono stati chiesti i domiciliari.

Arrestati 11 romeni: sequesto di beni per un milione

Contestualmente alle applicazioni delle misure cautelari per gli 11 romeni fermati, sono stati sequestrati beni per un milione di euro distribuiti tra le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Lodi. Sette di loro sono destinatari di un provvedimento di carcerazione chiesto dal Pm Alessandro Mancini che ha coordinate le indagini dell’Arma ravennate scattate circa un anno fa. Per gli altri quattro romeni sono stati chiesti i domiciliari. Contestualmente alle applicazioni delle misure cautelari, sono stati sequestrati beni per un milione di euro distribuiti tra le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Lodi.