Berlusconi spiega il No al referendum: «Riduce gli spazi di democrazia»

Il messaggio di Silvio Berlusconi non avrebbe potuto essere più chiaro: al referendum bisogna votare No. “Renzi deve stare attento con le regole che ha studiato per se stesso perché con queste regole vince chiunque, anche Grillo che si trova il Paese in mano senza limiti allo strapotere. Dobbiamo votare No e convincere gli incerti dicendo che stando a casa si fa un regalo a Renzi e al Pd. E’ un regalo che non merita per come sta governando il Paese”. È questo uno dei motivi individuati da Berlusconi per spiegare la contrarietà alla riforma voluta da Renzi. In un video messaggio al convegno “Noi No” organizzato dal centrodestra a Roma il Cavaliere ha sottolineato che “dobbiamo dire No fermo e chiaro a questa riforma che non significa essere contrari al cambiamento. Anzi noi vogliamo una riforma autentica e per poterla avere dobbiamo spazzare via Renzi e rimetterci al lavorare per realizzare una vera riforma”. “Dobbiamo bocciare una riforma – ha aggiunto Berlusconi – che riduce la democrazia e non rende le Istituzioni più efficienti e non produce i risparmi che dice. I risparmi corrispondo a quanto lo Stato spende ogni mezz’ora che Dio manda in terra tutti i giorni dell’anno”. E perciò, l’appello all’unità di tutto il centrodestra: “E’ importante che il centrodestra sia unito per spiegare il No a questa riforma. Dopo il fallimento di Renzi – ha concluso Berlusconi –  e la non credibilità dei grillini, noi siamo la vera soluzione responsabile per il governo del Pese. Senza di noi c’è la vera incertezza”.