Scoperta in Egitto una necropoli della prima dinastia risalente a 5000 anni fa

È stata rinvenuta in Egitto una necropoli risalente alla prima dinastia la cui scoperta è stata annunciata dal direttore del dipartimento delle Antichità egiziane, Mahmoud Afifi. La necropoli si trova a circa 400 metri a sud del tempio di Seti I a Abido nel governatorato di Sohag in Alto Egitto. La necropli è databile  a circa 5000 anni fa, secondo il Nouvel Observateur. La scoperta, come riporta Egypt Independent è stata annunciata da Mahmoud Afifi, dell’Egyptian antiquity sector. Gli archeologi hanno scoperto anche una serie di utensili e di ceramiche raffinate. La scoperta rende l’Egitto una delle terre più suggestive da visitare per i tesori immensi che racchiude.

Egitto, una scossa per il turismo in crisi?

Gli archeologi e naturalmente le autorità egiziane auspicano che la scoperta possa rivelarsi un forte impulso anche per ridare linfa a un turismo in Egitto che ha subito un periodo di decrescita da quando il presidente Hosni Mubarak venne deposto nel 2011. Oltre 14.7 milioni di turisti hanno visitato l’Egitto nel 2010, passando a 9.8 milioni nel 2011. Per quanto riguarda i primi quattro mesi del 2016, invece, sono stati solamente 1.2 milioni le persone che hanno viaggiato in Egitto. Questa città, secondo gli studiosi,- leggiamo sull’ Huffington post – era la sede di alti funzionari. “Gli scavi hanno infatti portato alla luce delle tombe più grandi di quelle reali di Abydos della Prima Dinastia; una scoperta che certamente consentirà di comprendere meglio la ricca storia di questa antica città”.