Tradizione e cultura: a Napoli nasce il museo permanente del presepe

Una tradizione che dura da sempre, arte e cultura che resistono al tempo. A Napoli nasce il museo permanente del presepe. L’iniziativa è stata ideata dal magistrato Ugo Ricciardi e dal cardinale Crescenzio Sepe, e sarà promossa dalla fondazione “Sant’Alfonso Maria de’ Liguri – Museo permanente del presepe napoletano”.

Sarà presentato il presepe allestito a piazza San Pietro nel 2013

Martedì 29 novembre alle ore 17,30, nel corso di una conferenza stampa, Ugo Ricciardi, in qualità di fondatore, e il cardinale Sepe, in qualità di presidente onorario, annunceranno ufficialmente la nascita della fondazione. In vista della prossima apertura del museo permanente del presepe napoletano seguirà, nella stessa basilica, l’inaugurazione dell’esposizione. Sarà presentato il presepe allestito in piazza San Pietro nel 2013 e realizzato dal maestro Antono Cantone. La neonata fondazione, «concepita grazie alla sinergia ed alla cooperazione di due mondi apparentemente diversi, quello della magistratura e quello della curia, intende essere un simbolo e uno stimolo per il recupero dei valori tradizionali, fondamentali per un sano progresso sociale e doverosi lasciti per le future generazioni».

Il museo aperto tutti i giorni dell’anno

Il museo permanente sarà aperto ed operativo tutto l’anno «con lo scopo di far conoscere i caratteri di tradizione ed innovazione, tipici della cultura partenopea. Il museo vorrà essere un importante strumento di integrazione culturale basata non sulla eliminazione dei valori tradizionali che caratterizzano le società, ma sulla loro esaltazione e diffusione». Per i napoletani, invece, «il Museo potrà essere un momento di aggregazione e un’occasione per riscoprire se stessi e le proprie origini». Il prossimo Museo Permanente del Presepe Napoletano ospiterà le più importanti opere di arte presepiale napoletana, provenienti da tutto il mondo e accuratamente selezionate da un comitato tecnico-scientifico, presieduto da Carlo Alemi.