Torino, tenta di scassinare la porta dell’ex: arrestato lo stalker 22enne

Una studentessa torinese di 18 anni è stata vittima per due anni di persecuzioni di ogni genere da parte del suo ex. Lo stalker, 22 anni, è stato arrestato dai Carabinieri di Torino mentre tentava di scassinare la porta di casa della giovane. A chiamare il 112 è stata la stessa vittima che ha poi raccontato il suo calvario iniziato – ha detto – nel 2014 quando decise di interrompere la relazione. Il ragazzo, però, non si dette per vinto e iniziò a perseguitarla per costringerla a stare con lui, arrivando persino a minacciarla con pistola e coltello e a picchiarla a calci e pugni. Lo stalker ora è finito in manette per minaccia aggravata, atti persecutori e tentata violazione di domicilio.

Lo stolker aveva aggredito la ex a più riprese

La studentessa, mentre l’uomo cercava di scardinare la porta, ha chiamato il 112 ed è stato in quel momento che l’aggressore ha sentito la telefonata ed è scappato. Giunto in strada, Claudio è stato notato dalla pattuglia che è arrivata sul posto e, dopo un breve tentativo di fuga, è stato bloccato. La studentessa, sentita da un militare professionalizzato per l’ascolto di vittime di “violenza di genere”, ha riferito di essere perseguitata dal 2014, anno in cui aveva deciso di interrompere la relazione con Claudio M. che, in più circostanze, ha costretto la denunciante a continuare il loro rapporto aggredendola a più riprese.