Terremoto, Stefano Parisi: «Basta parole, si faccia un piano antisismico»

«Il nuovo terremoto che ha colpito il centro Italia vede tutte le donne e gli uomini di questo Paese generoso e solidale a fianco di chi è stato nuovamente e duramente colpito. Si dice che è andata meglio dell’altra volta: è vero, ma fino a un certo punto. Bisogna capire che il colpo psicologico per chi ha subito nuovi danni è terribile». A scriverlo su Facebook è Stefano Parisi. Che aggiunge: «È la speranza che si spegne, è l’incertezza e la paura che dominano e tolgono il respiro».

Stefano Parisi: «Dobbiamo ricostruire la speranza»

«Dobbiamo esserci, tutti e subito. Dobbiamo far fronte all’emergenza, con l’inverno alle porte. Ma poi dobbiamo ricostruire la speranza, con un piano antisismico degno del nostro Paese», scrive ancora Stefano Parisi. «Questo sisma – prosegue – ha dimostrato che dove si ristruttura con le tecniche antisismiche si salvano le vite umane. Ma un cittadino, magari anziano, non può permettersi certi lavori. Chi lo aiuta? Dobbiamo sostenere e finanziare un piano di riconversione edilizia generale nelle aree ad alto rischio, e farlo subito con risorse certe. Rigore, tenacia, risorse, non retorica. Sono le cose migliori che possiamo dare oggi a chi ha perso tutto e ha bisogno di tutti noi», conclude Stefano Parisi.