Terremoto in Grecia: scossa avvertita in Puglia. Panico in Salento

Ben sette scosse di terremoto si sono registrate nella notte in Grecia, tutte di magnitudo superiore a 4.0, dopo quella del 5.2 avvenuta ieri sera alle 23.15 ora locale vicino alla città nordoccidentale di Giannina (Ioannina), a nord-ovest della capitale. Non vi è per ora notizia di feriti o danni. L’ultima scossa registrata dall’Istituto nazionale italiano di Geofisica e Vulcanologia, del 4.9, è delle 4.21. L’ epicentro è stato individuato al confine tra Grecia e Albania, a 35 chilometri di profondità. A precederla altre sei scosse di simile intensità (la minore è stata del 4.3), tutte con epicentro nel nordovest del Paese.

Epicentro del terremoto al confine tra Grecia e Albania

Non si registrano danni a cose o persone nel Salento dove sabato sera intorno alle 22.15 è stata avvertita la scossa di terremoto di magnitudo 5.2 con epicentro nella zona di Ioannina, in Grecia, non distante dal confine con l’Albania. Il sisma è avvenuto a circa 20 chilometri di profondità ed è stato avvertito in tutta la Puglia, in particolare nella provincia di Lecce. Numerose telefonate di gente allarmata sono giunte alla centrale operativa dei Vigili del fuoco. Immediatamente dopo sono state fatte dai Vigili una serie di verifiche e al momento non si registrano emergenze. Numerose persone si sono riversate in strada dove hanno sostato per breve tempo. Segnalazioni sono giunte, in particolare, da Nardò, Lecce, Gallipoli, Maglie, San Cesario di Lecce, Alezio.